Orto Therapy, l’innovativa attività piace ai nonnini di Agape

Protagonista ancora una volta la creatività, in Agape onlus, associazione che gestisce strutture e centri in provincia di Pisa e non solo. Infatti, i partecipanti al laboratorio dell’associazione Spes di Uliveto Terme, esporranno le loro opere ispirate a Magritte a Palazzo Blù a Pisa.

L’iniziativa, resa nota lo scorso 27 giugno all’evento di chiusura del laboratorio annuale di pittura, attivo dal 2012, è stata illustrata da Manuela Lombardi, docente di Discipline Pittoriche e Grafiche, che ha realizzato il progetto con la collaborazione delle educatrici professionali Agape Maria Cristina Vannucci e Sandra Sfingi, e dall’operatrice Spes Susanna Taccola. Le opere dei ragazzi saranno in visibili nella libreria dello spazio espositivo dal primo settembre fino al 7 ottobre e dal 14 dicembre fino al 30 dicembre 2018.

Fondamentale il messaggio che supera i quadri esposti che simboleggia un percorso di interazione, socializzazione e recupero, che evidenzia anche il lavoro di conoscenza e approfondimento dei pittori del ‘900, come Escher e, appunto, Magritte, che nell’autunno prossimo sarà in mostra sempre al Palazzo Blu di Pisa.

Tra gli obiettivi del prossimo anno, infine, fanno sapere da Spes, “è nostra intenzione partecipare nuovamente al concorso “Scenari d’Innovazione”, promosso da Artex (Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana), ambito nel quale abbiamo ricevuto diversi riconoscimenti nel corso degli anni”.

Altra volontà, infine, “quella di acquistare una stampante 3D, per realizzare piccoli manufatti, ideati dai ragazzi, promuovendo il lavoro sul territorio di Pisa e non solo”, con il sostegno dell’Amministrazione comunale, intervenuta con il sindaco Juri Taglioli e l’assessore alle Politiche Sociali Valentina Bertini del Comune di Vicopisano, che hanno manifestato l’intenzione di continuare e rafforzare la collaborazione con l’associazione Spes. Al loro fianco, anche il presidente Spes Elio Barsocchi, con la referente del Centro Socio Riabilitativo Arcobaleno di Navacchio, Maria Cristina Vannucci, gestito dalla Cooperativa Agape, che da anni è partner dell’Associazione e garantisce attraverso competenze professionali e collaborazioni proficue il lavoro condotto nel tempo.

Dalla coltivazione idroponica agli orti sospesi ricchi di verdure di stagione
L’occasione nelle Rsa di Castelfranco, Pontedera, Buti e Porto Santo Stefano

Da innovativo progetto sperimentale, avviato quattro anni fa alla Rsa "Selene Menichetti" di Castelfanco di Sotto, ad attività coinvolgente, gettonatissima, che impegna molti ospiti di tutte le strutture sanitaria assistite e residenze per anziani gestite da Agape.
E’ l’Orto Therapy, una nuova occasione di socializzazione, vicinanza con la terra e scoperta delle novità in fatto di coltivazione. E di novità ce ne sono molte, in particolare alla Rsa Leoncini di Pontedera, che per il primo anno ha dato il via, questa stagione, alla coltivazione. Ma non a un orto tradizionale, bensì una coltivazione del tutto particolare: l'orto idroponico.
Ne sono passati di anni dal primo tentativo alla Rsa Selene Menichetti, dove hanno trovato spazio piante di insalata e peperoncini, oltre a pomodori e cetrioli, che ha portato al coinvolgimento di tutte le residenze gestite dalla Cooperativa sociale onlus di Fornacette, inclusa la nuova Residenza assistita Villa Varoli di Porto Santo Stefano.
Qui l’orto è attivo da questo aprile, ed è il più giovane di tutti. Presente sia nelle vasche che direttamente in terra, la coltivazione vede impegnati i 12 ospiti, di cui 3 in modo particolare. “Sono impegnati attivamente e in modo pratico nella coltivazione – spiegano dalla residenza – e tutti però partecipano con supporto, consigli e momenti di condivisione dei ricordi trascorrendo qualche ora all’aria aperta e scegliendo di puntare sulle coltivazioni di pomodori, con numerose varietà, zucchine e erbe aromatiche, basilico in testa. Senza dimenticare i fiori, alleato colorato ed essenziale, di utilità anche per l’orto stesso essendo di richiamo per insetti che aiutano le piante a crescere sane e protette.
Diversa, ma sempre interessante, l’esperienza dell’Orto Therapy sviluppata alla Rsa I Maggi di Buti, dove sono prediletti i fiori e le piante aromatiche. Ma è presente, fanno sapere dalla struttura, anche “un piccolo orto sospeso accessibile a tutti, che è diventatostimolo per gli occhi, per l'olfatto e per la memoria. Infatti capita che dal rametto di ramerino ci si ritrovi ad assistere a racconti sulle vite dei nostri ospiti”.
Un progetto, quindi, che prosegue nel migliore dei modi e si amplia, arrivando ad oggi a coinvolgere tutte le Rsa gestite da Agape e tantissimi ospiti, entusiasti e motivati da questa attività, una occasione di aggregazione e un’attività utile, ma al tempo stesso molto gustosa.


x

Back

 

Powered by: MR GINO