Gli auguri della presidente

Non voglio usare frasi di circostanza, belle parole piene di retorica...

Salve a tutti e bentrovati,

sono molto felice di vedervi così numerosi oggi, qua nella nostra sede, la casa di tutti noi. E' il mio primo Natale da presidente e posso assicurarvi che sono molto emozionata.

Ho girato, nelle ultime settimane, molte strutture, visto il vostro lavoro da vicino, partecipato alle iniziative che avete organizzato con passione e respirato la vera essenza delle feste. E vi ringrazio per questo. Per tutto quello che ho visto e che vedrò nel nostro lavoro quotidiano.


Non voglio usare frasi di circostanza, belle parole piene di retorica. Un calice alzato e un augurio per tutti voi e le vostre famiglie.


Non basta.


Perché abbiamo un compito più alto.

Oggi siamo tutti qui, perché abbiamo di fronte una grande sfida. In un mondo sempre più individualista e votato all'emarginazione, il nostro lavoro è essenziale per fare da collante tra le realtà che ci circondando.

E lo sapete bene, la diversità spaventa, le famiglie sono in difficoltà e senza il nostro aiuto non saprebbero come fare a prendersene cura. Dall'educazione, alla formazione dei più piccoli, passando per i giovani e arrivando agli anziani. Ecco quello che facciamo, siamo trasversali nella società, non facciamo discriminazioni. Ed è per questo che sono convinta che ci sia bisogno di qualcosa in più.

E' tempo di stringerci in un patto per il territorio e io come presidente mi impegnerò, in prima persona, per far si che si realizzi.

Non possiamo isolarci e pensare di essere autosufficienti, servono interazioni e nuove collaborazioni. Dobbiamo far emergere quello che abbiamo e che ancora non abbiamo messo a frutto. Parlo di competenze, di progettazione, di innovazione, di percorsi da attivare. Non rimaniamo chiusi nelle nostre stanze, ricordiamo sempre di avere uno sguardo sul mondo esterno.


Al tempo stesso però sono convinta che tutto non può che partire da qui, dal nostro agire quotidiano, dalla fiducia che avete riposto in noi, nella nuova dirigenza, nel nuovo corso che abbiamo da pochi mesi intrapreso.


Tutti abbiamo dei sogni e oggi voglio condividerne uno con voi.

Questa è la mia richiesta a Babbo Natale: che Agape sia espressione e sintesi della volontà di ciascuno di voi, che come Cda saremo in grado di accettare le sfide del quotidiano e saperle declinare mantenendo vivi i valori che hanno sempre animato la nostra cooperativa.

E' con questo augurio che voglio brindare e spero, con forza, che quello che faremo da qui in avanti sarà tutto improntato al bene della collettività.


Auguri di Buone Feste




Back

 

Powered by: MR GINO